Seguici su Facebook
Seguici su Linkedin

Notizie ed Eventi

Chi è il terzo educatore? I piccoli artigiani del Samarcanda lo sanno!

Al Micronido Samarcanda fervono i lavori…. le educatrici si stanno dedicando con continuità e passione al miglioramento degli ambienti interni del nido: lo scorso anno si sono occupate molto del giardino, abbellendolo con nuove piante da frutto e l’orto di erbe aromatiche, arricchendolo di stimoli sensoriali naturalistici (pigne, cortecce, conchiglie, sassi, ecc.) e attrezzature costruite con materiale di recupero tipo i bancali.

P1070764

Successivamente ci si è dedicati agli spazi interni, sostituendo i giochi in plastica con materiali naturali e di recupero, oggetti “rubati” alla quotidianità, magari reinventando il loro utilizzo.

Questo lavoro origina dal pensiero pedagogico alla base del nostro operato, secondo il quale l’ambiente deve essere considerato a tutti gli effetti il terzo educatore (oltre, naturalmente, alla famiglia ed agli educatori del nido). Parliamo di terzo educatore perché il contesto nel quale il bambino si muove, fa esperienze ed apprende, deve conferire sicurezza e stabilità da un lato, stimolo a nuove esperienze e supporto all’autonomia dall’altro.
Risulta quindi essenziale porre attenzione ai piccoli particolari e all’atmosfera che un ambiente globalmente emana.
Nelle stanze il mobilio è stato spostato e, in alcuni casi, impiegato in modo creativo (come ad esempio il mobile contenitore del salone che è diventato una cassapanca) ed a questa trasformazione hanno contribuito anche i bambini, partecipando con passione! In particolare i piccoli hanno lavorato per realizzare artigianalmente splendide stoviglie decorative che ora adornano la sala da pranzo.
L’azienda C.A.R.I.M. di Montegrotto Terme, che produce artigianalmente oggetti in ceramica, ci ha gentilmente donato vasi, piatti e tazze al grezzo, senza finitura: le educatrici hanno proposto ai bambini di dipingere tutti questi oggetti scegliendo in autonomia quali colori utilizzare.

12

 

 

 

 

 

 

Questa esperienza è strettamente connessa alla Progettazione didattica di quest’anno, centrata sull’alimentazione e sul cibo. Ovviamente, anche gli strumenti utilizzati durante il pasto e la routine del pranzo assumono un’importante valenza educativa.

Ed ecco alcune opere d’arte che rimarranno ad abbellire la sala da pranzo.

37

4

Per i bambini sarà sempre possibile vedere ciò che hanno creato con tanta dedizione e passione!

Un ringraziamento alle nostre educatrici: Martina Pradini, Chiara Gallo, Flavia Piasentini, Daniela Bettella e alla Responsabile pedagogica Mariolina Boldrin

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi